Le regole per “sopravvivere” ai brindisi natalizi

Le regole della nostra nutrizionista Lyda Bottino per rimanere in linea nonostante aperitivi, brindisi in ufficio, pranzi e cene delle festività natalizie

 

Clicca qui per una consulenza gratuita personalizzata
del nostro esperto, Dott.ssa Lyda Bottino

Nelle festività natalizie gli sgarri, per non parlare di abbuffate, sono continui.

Un aperitivo, una cena… e già prima di Natale ci ritroviamo appesantiti.

Ma evitare tutto questo si può. Ce lo spiega la nutrizionista Lyda Bottino, esperta del team di FocusOnYou.

Ecco le regole fondamentali per non ingrassare che valgono sempre, ma in particolare durante le festività:

  1. Fare sempre un’abbondante e completa colazione che preveda frutta, carboidrati integrali a basso carico glicemico e proteine (come fanno in tutto il resto del mondo ad eccezione dell’Italia). Questo pasto di inizio giornata attiva il metabolismo e porta l’organismo a consumare, e quindi a bruciare quello che eventualmente capiterà di mangiare in più durante la giornata.
  2. Non saltare mai i pasti pensando di risparmiare calorie in vista di una cena, festa, aperitivo. Arriveremo affamati e non riusciremo a resistere a nulla. In più saltare i pasti o addirittura digiunare dà un forte segnale di pericolo al nostro organismo che reagirà rallentando il metabolismo, quindi accumulando i grassi.
  3. Fare attività fisica aerobica tutti i giorni. Non per bruciare calorie, come erroneamente si pensa, ma per mantenere alto il metabolismo. In vacanza c’è anche più tempo libero quindi non ci sono scuse.
  4. Prendere questi incontri per quello che sono: piacevoli momenti in compagnia di persone che magari vediamo poco durante l’anno e senza scambiarli per tour enogastronomici.

Sazi e in modalità bruciacalorie

«Seguendo queste regole si potrà partecipare a cene, aperitivi, incontri vari senza temere il peggio.
Saremo sazi e col metabolismo alle stelle quindi si tratterà al più di un piccolo sgarro, che non comprometterà la linea», spiega Lyda Bottino.

Se sgarri, riparti da capo

«Se capitasse davvero di eccedere a una cena, non bisogna colpevolizzarsi, il senso di colpa ci farà entrare in un meccanismo perverso che ci porterà a pensare “tanto ormai ho sgarrato una volta tanto vale continuare così per tutte le feste, ci penserò dopo”. Quel dopo non arriva mai. Dopo uno sgarro bisogna riprendere subito il controllo (nulla è perduto per una cena) e ripartire dalla colazione e dal movimento».

Prepara cibi sani se sei l’ospite

«Se siamo noi a invitare ancora meglio, potremo preparare un menu sano e gustoso. Basta abbondare con verdure, frutta, proteine sane, e utilizzare carboidrati integrali per i primi piatti, farina integrale e miele al posto dello zucchero per i dolci», conclude Bottino.

By |2018-12-06T04:06:49+00:006 dicembre 2018|