Questa casa è una… palestra!

Palestra in casa? Si può. Con poche accortezze, la nostra casa e ciò che contiene possono diventare una vera e propria fitness room privata. Sono infatti numerosi gli esercizi che si possono compiere, in qualunque momento, tra le mure domestiche

 

Tenersi in forma è il passaporto per la bellezza e per una vita lunga e sana, è una dato di fatto. Ma è altrettanto vero che sono sempre di più le persone che piuttosto che la tradizionale palestra, magari con corsi e orari prefissati, prediligono un allenamento personalizzato e davvero su misura. Però, una volta appresi da un trainer esperto tutti i segreti del fitness “tailor made”, subentra anche l’esigenza di trovare spazi e tempi per fare i propri esercizi. “Con i ritmi di oggi non è sempre è possibile andare in palestra o al parco con il trainer” spiega Simona Musocchi, Consulente wellness per Focus on You e personal trainer.

“Ma non mancano soluzioni, facili ed economiche, per proseguire il proprio allenamento. Con poche accortezze, la nostra casa e ciò che contiene possono diventare una vera e propria fitness room privata. Sono infatti numerosi gli esercizi che si possono compiere, in qualunque momento, tra le mure domestiche”. Proprio Simona ha messo a punto una serie di esercizi divertenti ed efficaci, raccolti nel suo libro “Il metodo smartgym” (Mondadori): il volume illustra ampiamente come fare a tenersi in forma senza uscire dalla porta. Ecco alcune dritte facili facili per iniziare, dedicate soprattutto a lei ma con qualche suggerimento anche per lui.

Una sedia è molto più di una sedia

Come fare:  Ci si appoggia con entrambe le mani allo schienale della sedia, si ruotano i piedi di 45 gradi verso l’esterno e, sempre rimanendo attaccati allo schienale, a gambe leggermente divaricate, ci si piega senza mai oltrepassare l’altezza della ginocchia. Si rimane nella posizione per almeno 30 secondi e poi si ripete dopo un break di 20 secondi.
Perché farlo: “Così lavorano glutei, quadricipite, bicipite femorale e polpacci. E’ un allenamento completo per la parte bassa del corpo” afferma la personal trainer.

Hai visto lo stipite…

Come fare: lo stipite della porta è utile per potenziare la mobilità e la muscolatura degli arti superiori. Basta mettersi al centro della porta (aperta, ovviamente), appoggiare le i palmi delle mani agli stipiti, tenendo come altezza quella delle spalle. Come se si volesse allargare la porta, bisogna spingere per 20 secondi. Ripetere alcune sequenze.
Perché farlo: “Così lavorano tricipite e il deltoide, per avere braccia e spalle toniche” precisa Simona Musocchi.

Basta un muro

Come fare: Un esercizio fantastico per i glutei, che si fa anche in palestra. Con la schiena ben appoggiata alla parete, si scende lungo il muro come se ci si dovesse sedere su una sedia immaginaria. Si rimane piegati con le gambe a 90 gradi rispetto al busto, cercando di schiacciare bene i piedi al pavimento. Si rimane nella posizione per 50 secondi, poi ci si rialza e dopo uno stop di 20 secondi si ripete per almeno altre tre volte.
Perché farlo: “Un esercizio fantastico per i glutei. E’ un’attività ideale per chi fa corsa o bicicletta in autonomia. Giova alla muscolatura delle gambe che, altrimenti, potrebbero non lavorare in modo corretto. Inoltre, fa benissimo anche ai glutei” racconta la Consulente wellness per Focus on You.

Il calorifero? Una spalliera

Come fare: nelle case di oggi sono sempre più presenti i caloriferi con le barre orizzontali, quelli chiamati scaldasalviette. Ovviamente se ben fissati al muro, possono trasformarsi in spalliere. Si possono fare due serie di esercizi: la prima, infilando un asciugamano a una barra del calorifero all’altezza delle spalle, si prendono le due estremità e con le braccia si spinge verso il basso. In questo modo lavorano i tricipiti. La seconda prevede di infilare l’asciugamano in un punto basso, all’altezza della ginocchia, e sempre tenendo i due lembi si sollevano le braccia verso l’alto. Così lavorano i bicipiti.
Perché farlo: “Si potenzia la muscolatura di braccia e spalle, senza strappi o eccessi” dice la personal trainer.

Ci vuole un tavolo

Come fare: un tavolo o addirittura una scrivania sono ottimi piani di appoggio per eseguire due serie di esercizi: la prima prevede di appoggiare le mani al piano e, senza inarcare la schiena, spingere una gamba alla volta prima dietro di sé e poi lateralmente. Finita una serie di 20 slanci per gamba, ci si gira e spalle al tavolo e mani in appoggio, si solleva una gamba al petto e la si riabbassa, senza però toccare il pavimento con il piede. Così 10 volte per gamba.
Perché farlo: “Lavorano gambe, glutei e addominali: un esercizio facile perfetto per le signore” spiega Simona.

E per lui ma anche per lei?

Come fare: In generale, i punti critici che fanno soffrire i signori uomini sono addominali, petto e gambe. Per allenarsi in casa come in palestra, la risposta è il TRX. Di grandissima moda (e di assoluta efficacia) è composto da un piccolo gancio da murare nella parete (accortezza: questo è un lavoro che fa eseguito da un professionista!). Al gancio si attaccano due apposite corde.
Perché farlo: “Una volta appresi con il trainer i modi in cui si può utilizzare, il TRX è una bomba. Permette di compiere tantissimi esercizi per tonificare praticamente tutte le parti del corpo. Bastano 20 minuti al giorno per avere risultati davvero sorprendenti. E, quando non serve più, basta staccare le cinghie dal gancio e la casa torna in ordine” conclude Simona Musocchi.

clicca qui per chiedere una consulenza gratuita a Simona Musocchi, wellness coach di Focus on You.

By |2018-10-16T23:44:27+00:0016 ottobre 2018|