Bootybarre, un mix di danza classica, yoga e Pilates

Se il vostro obiettivo fitness per quest’anno è allungare e tonificare la silhouette, allora dovete provare la bootybarre. Ne abbiamo parlato con l’esperta

 

Clicca qui per una consulenza gratuita personalizzata
del nostro esperto, Simona Musocchi

Siete anche voi tra coloro che, ricominciato l’anno nuovo, si sono date subito un gran daffare per per ritrovare la forma? Se sì e avete voglia di provare qualcosa di nuovo, vi suggeriamo noi la disciplina giusta: avete mai sentito parlare della bootybarre?

L’essenza sta tutta nel nome: si tratta di esercizi da ripetere alla sbarra – quella utilizzata nella danza classica –, che rassodano tutto il corpo, soprattutto i glutei. Alla danza classica, questa disciplina affianca degli esercizi di yoga e Pilates, così da tonificare e allungare al meglio ogni singolo muscolo, anche mediante una corretta e profonda respirazione.

Importata in Italia da Nathalie Ott, ex ballerina del Moulin Rouge, che a sua volta l’ha imparato a Los Angeles da Tracey Mallet, ideatrice della bootybarre (la vedete nelle prime due foto di questo articolo), quest’attività fisica è tutt’altro che noiosa e impostata. Non solo plié o chassé, ma un allenamento divertente ed energico, che fonde le tecniche principali della danza, del Pilates e dello yoga, in una serie di esercizi ritmati, che stimolano il lavoro cardiovascolare, in una combinazione perfetta di forza e flessibilità.

Per conoscerla più da vicino e capirne meglio i meccanismi, abbiamo chiesto alla nostra esperta di fitness Simona Musocchi di rivelarci qualcosa di più sulla bootybarre. Ecco cosa abbiamo scoperto.

A chi è rivolta la bootybarre?

“Forse la bootybarre è la disciplina più femminile, ma tutti possono praticarla, basta adattare gli esercizi all’età, al peso e alle proprie caratteristiche fisiche. La consiglio vivamente a chi desidera asciugare il fisico nei punti strategici (fianchi, cosce, addome), ottenendo quindi un corpo più snello e tonico”.

Quali sono i muscoli maggiormente coinvolti?

“Nella bootybarre lavorano principalmente glutei, gambe e addominali, ma anche le braccia proprio per via del lavoro isometrico. Sembra scontato ripeterlo, ma come dice il nome, son proprio i glutei a essere rinforzati e cesellati maggiormente dagli esercizi”.

Quali benefici ha sul corpo e sulla mente la bootybarre?

“La serrata ripetizione di esercizi mixati a ritmo di musica consente di eseguire un buon lavoro cardiovascolare, mantenendo il cuore tonico e allenato. Inoltre, essendo un’attività equilibrata migliora la coordinazione e la propriocezione, acquisendo una maggior consapevolezza del proprio corpo. Infine, grazie allo stretching, favorisce la flessibilità muscolare e va a migliorare la postura, rendendo i vostri movimenti più fluidi ed eleganti”.

Alla base della bootybarre, c’è la danza classica: quindi per praticarla bisogna avere già delle basi di questa disciplina?

“Anche se non avete mai danzato, potete comunque frequentare le lezioni di bootybarre: imparerete sì i movimenti e le posizioni base della danza, ma concentrandovi più sulla consapevolezza del gesto legato alla respirazione e sull’allungamento, che sulla sua esecuzione perfetta. Gli esercizi possono aumentare di intensità, ma mai diventare pericolosi per il fisico, a qualsiasi età”.

La bootybarre si può praticare anche a casa o solo in palestra?

“La bootybarre si può praticare ovunque: serve solo il nostro corpo e un punto d’appoggio stabile, che può essere la sbarra in palestra o il muro o una sedia fissata al pavimento a casa. Su Internet, potete trovare numerosi videotutorial che vi insegnano qualche esercizio di bootybarre da ripetere comodamente a casa”.

Ci suggerisci qualche esercizio di bootybarre da eseguire da sole?

“Eccone un paio: il primo prevede le mani in appoggio (al muro o alla sedia), le gambe tese, l’addome in tenuta, schiena dritta. Da questa posizione, eseguite 20/30 slanci laterali per gamba, con il piede a punta. Fate due serie per gamba.

Il secondo prevede sempre le mani in appoggio alla sedia e le punte dei piedi leggermente extraruotate: da questa posizione, eseguite 20 piegamenti senza portare il gluteo oltre le ginocchia. Non dimenticate mai a fine lezione di eseguire qualche esercizio di stretching per le gambe, nellospecifico per i polpacci, molto coinvolti”.

bootybarre

Nathalie Ott nel suo studio di Milano.

Dove frequentare delle lezioni di bootybarre?

Potete frequentare la bootybarre in questi centri:
Fitness Barre Studio, dove insegna Nathalie Ott
Virgin Active, con corsi attivi in tutta Italia
Centro Pilates Yoga Roma

Per maggiori informazione sulla bootybarre

Consultate il sito: https://bootybarre.com/

By |2019-04-08T17:29:25+00:0028 gennaio 2019|