Festa della Donna: un viaggio secondo il vostro stile

Viaggiare da sole fa bene a mente e spirito. Quale miglior occasione, nella giornata delle donne, per scegliere una destinazione su misura, al femminile naturalmente!

 

Festa della Donna, 8 marzo.  E quale modo migliore per festeggiarsi, se non ritagliandoci un po’ di tempo tutto per noi e per le nostre passioni? Che sia un weekend o una settimana, viaggiare è la risposta a tutti i desideri.

Voglia di staccare la spina, divertirsi, di rilassarsi, o anche solo allontanarsi per qualche giorno dalla solita routine familiare. Per la Festa della Donna, mettetevi al computer e scegliete una meta da raggiungere in compagnia di un’amica o anche da sole, seguendo le ultime tendenze.

Già, perché viaggiare da soli sembra non essere più un tabù: lo rivela un sondaggio condotto lo scorso maggio da Volagratis.com su 2 mila intervistati. Tre italiani su dieci ammettono di aver già viaggiato in solitaria verso una destinazione sconosciuta, mentre il 40% dei viaggiatori sarebbe pronto a questo tipo di avventura.

E non sono solo i single a voler viaggiare in solitaria, bensì anche chi è in coppia o ha già una famiglia. I motivi? Per il 50% dei viaggiatori italiani prendere un aereo da soli o prenotare una DUS (Doppia Uso Singola) rappresenta un’occasione per mettersi alla prova.

Mentre il 25% vuole farlo per conoscere meglio se stessi: lontano dalla comfort zone di una bella famiglia e dallo stress che caratterizzano la vita quotidiana. Si ha più tempo per riflettere, per capire quali sono le proprie mancanze e debolezze, ma soprattutto per scoprire i punti di forza.

Ecco perché dovete partire adesso. Se sul lavoro è un momento di frenesia, se con il partner accusate un po’ di stanchezza, se sentite che vi mancano nuovi stimoli e che vi state adagiando a situazioni poco stimolanti, è l’occasione giusta per fare una nuova esperienza. E per scoprire una nuova voi.

Certo, viaggiare da sole richiede più impegno dal punto di vista organizzativo, ma con questi consigli pratici e preparandosi per tempo, non sarà motivo di stress.

Viaggiare da sole: i consigli pratici

Prima di tutto, informatevi sui documenti necessari per imbarcarsi: è sufficiente la carta d’identità? Bisogna richiedere un visto turistico? Sono richiesti vaccini particolari?

Poi, è sempre un bello stimolo partire all’avventura, ma è meglio sempre tracciare un itinerario di base, scaricando qualche app di viaggio e munendovi di mappa cartacea, strumento salvavita se la connessione non è proprio perfetta.

Se vi perdete, chiedete agli autoctoni, che sapranno non soltanto aiutarvi a orientarvi, ma anche consigliarvi posti imperdibili, magari lontani dalle “rotte turistiche”.

Portate sempre con voi un caricabatterie portatile (power bank) e preparate una lista di luoghi in cui trovare aree con Wi-Fi libero in caso di necessità.

Infine, non dimenticate la sicurezza (vostra) e la tranquillità (di chi vi aspetta a casa). Se scegliete mete troppo esotiche, prima della partenza contattate la Farnesina e comunicate informazioni utili per essere rintracciati in qualsiasi momento: recapiti, copie documenti, indirizzi degli alloggi.

Quando arrivate o partite per una nuova destinazione inviate un messaggio a una persona di fiducia, oppure attivate app di tracciamento, così da comunicare la vostra posizione in caso di necessità.

Se vi allontanate per attività o escursioni in posti poco raggiungibili, avvertite sempre qualcuno, anche solo il personale dell’hotel.ù

Viaggiare da sole: le mete su misura per noi donne

E ora la parte più divertente: dove prenotare il prossimo viaggio? Da sole o con un’amica, cercate di assecondare le vostre vere passioni, per una volta.

Che siate sportive, intellettuali, avventuriere oppure foodies, nel mondo ci sono destinazioni davvero per tutti i gusti e i caratteri. In ogni caso, cominciate a preparare la valigia (imparate a viaggiare leggere!): presto si parte.

Se siete delle super sportive

Le pinne per un’immersione, le sneakers per una maratona, i moschettoni per un’arrampicata, il caschetto per una pedalata con la mountain bike. Nella vostra valigia non manca mai l’attrezzatura sportiva ideale e ogni viaggio diventa un’occasione perfetta per praticare un’attività fisica.

Addirittura per mettersi alla prova con qualche  sport estremo, magari lontano dalle grandi città e a contatto con la natura.

Partite per…: le Fiandre, in Belgio. A marzo si apre ufficialmente la stagione ciclistica: preparatevi a pedalare tra i paesaggi fiamminghi e mettetevi alla prova con i celebri muri di ciottoli, come il Kwaremont e il Geraardsbergen, e il temutissimo pavé, percorrendo le stesse strade solcate dalle bici dei ciclisti internazionali professionisti.

Desiderose di avventure

Ogni viaggio per voi è un’avventura per esplorare i territori meno conosciuti ed entrare a contatto con la cultura del luogo. Non avete bisogno di pianificare troppo, vi piace vivere il momento e decidere l’itinerario giorno dopo giorno. Zaino in spalla e siete pronte a conquistare nuove mete.

Partite per…: il Sud America. Qui, potrete camminare sulla Montagna Arcobaleno nelle Ande del Perù, incontrare il maestoso ghiacciaio Perito Moreno in Patagonia, dormire in una casa particular a conduzione familiare a Cuba, macinare chilometri lungo altipiani e discese per raggiungere la leggendaria “Città perduta degli Incas”: il Machu Picchu. Must have: scarponcini da montagna.

Paesaggi da immortalare

Amate fotografare e siete curiose per (e della) natura. Macchina fotografica al collo, cavalletto in spalla, obiettivi nello zaino: la vostra “road map” include i luoghi più fotografabili e suggestivi della destinazione prescelta. Dotate di grande pazienza, siete disposte ad aspettare anche intere ore per poter ottenere lo scatto tanto desiderato.

Partite per…: le Isole Svalbard, in Norvegia. Qui lo spettacolo naturale dell’aurora boreale vi darà la possibilità di mettere alla prova le vostri doti fotografiche. Inoltre, nel mezzo dell’Oceano Artico, potrete partecipare ai safari in motoslitta sotto le luci dell’aurora, una delle esperienze più incredibili di sempre.

Cultura e arte

Siete intellettuali fino nel midollo. Libri, teatro, musica e arte in generale sono il vostro pane quotidiano. Il compagno di viaggio ideale è la card per visitare ogni museo della città e non potete fare a meno di accodarvi a qualunque visita guidata.

Prima della partenza, studiate e leggete testi e romanzi che parlano della partenza prescelta e nel vostro itinerario non mancano mai le librerie, piccole o grandi che siano.

Partite per…: New York, città ricca di musei e luoghi di cultura per ogni gusto. Qui avrete la possibilità di viaggiare nel tempo, rivivendo la nascita dell’Universo al Museo di Storia Naturale, ammirando da vicino il Tempio di Dendur ricostruito al MET e conoscendo da vicino gli artisti contemporanei al MOMA.

Sperimentare nuovi sapori

Per voi il modo migliore per scoprire una nuova destinazione è assaggiandone tutti i sapori, in senso letterale. Altro che musei, la visita più attesa della giornata è quella al ristorante, dove ricercare e sperimentare i piatti della cucina locale, magari accompagnati da un buon bicchiere di vino o un boccale di birra.

Infine, la buona cucina non è solo motivo di curiosità, ma anche fonte di benessere, convinte che sia la qualità della materie prime e la loro combinazione a far star bene il corpo e l’anima.

Partite per…: Tokyo, la città con più ristoranti stellati al mondo. Potrete provare sushi, ramen e sashimi in oltre 17 mila ristoranti locali e scattare una foto ricordo da condividere sui social con #japanesefood: come facilmente intuibile, la cucina nipponica è tra le più instagrammate.

Pratiche meditative

Vacanza per voi significa allontanarsi dalla routine quotidiana, ridurre il livello di stress e aumentare la consapevolezza di sé. Ogni partenza è un’occasione per prendere le distanze dal frastuono dei pensieri, per sperimentare pratiche meditative o andare alla ricerca di luoghi dello spirito dove rigenerare la mente.

Partite per…: Rishikesh, in India, la Capitale mondiale dello yoga. Qui potrete sperimentare pratiche meditative di tradizione millenaria, per far ordine nei propri pensieri e rimettersi al centro di sé.

By |2019-03-08T20:33:15+00:008 marzo 2019|